ASGTM


 BUONA DOMENICA...
piccola rubrica settimanale a cura di don Domenico: 13/10/2019  

La tenerezza dei popoli

“Non diciamo con ragione noi che sei un samaritano e hai un demonio?” (Gv 8,48).
Così i Giudei risposero un giorno a Gesù, nella loro violenta polemica. Per loro i samaritani era no solo degli eretici, razzialmente ibridi e con un culto impuro, considerati fuori della comunione con il popolo ebraico. Tra samaritani e giudei l’odio e il disprezzo erano radicali. Gesù rovescia questa tradizione, ogni volta che ne attraversa il territorio, si ferma a parlare. Avvengono anche incontri straordinari, come con la donna samaritana. Provocatoriamente Gesù spesso presenta i Samaritani come modello del credente: nella parabola su chi sia il nostro prossimo, mentre il sacerdote e il levita, a causa dei loro pregiudizi religiosi, non si fermano a soccorrere il malcapitato mezzo morto per la strada, è solo un samaritano che è posto come modello di amore (Lc 10,30-37). Gesù stesso fu accusato di essere un samaritano, un eretico
La parabola della guarigione miracolosa dei dieci lebbrosi, in cui uno solo torna a ringraziare Gesù, contiene quindi molto di più dell’invito a essere riconoscenti al Signore. È vero che la nostra preghiera è viva spesso solo nei momenti di bisogno e molto meno capace di “render gloria a Dio”. Gesù evidenzia che è un Samaritano, e non gli altri nove ebrei, che si manifesta come uomo di fede. È contenuto in questo racconto anche l’annuncio di una salvezza che ormai non è più esclusiva del popolo ebraico, ma che è donata al mondo intero. Il vero contenuto del racconto è però da cercare diversamente, tenendo ben presente il contesto della pagina: sono gli esclusi, gli scomunicati, quelli non considerati i più vicini al cuore di Dio, i destinatari del Regno. Ancora una volta è proclamato che ”i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio” (Mt 21,31).
Spesso sono i poveri, gli ultimi, i lontani da una religione tradizionale che sanno cogliere la novità e la freschezza del Vangelo: “Beati voi poveri, perché vostro è il Regno di Dio” (Lc 6,20). Siamo nel mese missionario: il nostro pensiero è richiamato in queste domeniche al dono delle diversità delle culture, alla grazia della tenerezza dei popoli. Culture poco considerate o anche disprezzate, sono invece portatrici di valori che stiamo dimenticando. L'Africa ci insegna l'amore per la natura, la vita, gli antenati, il senso della festa. L'Asia e l'Oceania la ricerca dell'assoluto di Dio, della pace interiore, dell'armonia, la gratuità. L'America Latina l'attenzione agli ultimi, la lotta per la giustizia, il senso della vita comunitaria e della condivisione. Tanti poveri che vivono accanto a noi, senza essere riconosciuti, possono diventare nostri maestri di semplicità, di essenzialità, di solidarietà. Dio sta dove nessuno penserebbe di trovarlo: nella passione verso i dimenticati e i non considerati e con loro costruisce il Regno. Il vangelo ogni domenica perturba le nostre pratiche ricordandoci ogni volta le parole del cantico di Maria, perché Dio “disperde i superbi nei pensieri del loro cuore, rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili, ricolma di beni gli affamati e rimanda i ricchi a mani vuote” (Lc 1,51-53). Ogni volta è il Signore a ricordarci che “gli ultimi saranno i primi, e i primi ultimi" (Mt 20,16).
Il messaggio di questa domenica s’incontra con le parole di papa Francesco al sinodo per l’ Amazzonia. Ogni popolo ha un’identità propria – ci ricorda - una coscienza di sé da cui viene un sentire, un modo di vedere la verità, una storia. Per comprendere bisogna imparare ad ammirare. Presentarci in punta di piedi: “dobbiamo accostarci ai popoli amazzonici, rispettando loro storia, la loro cultura”.
Per parlare con coraggio, con parresia è necessario “pregare, riflettere, dialogare, ascoltare con umiltà”. Per essere capaci di discernere “serve la contemplazione dei popoli, la capacità di ammirazione dei popoli»



(Questa pagina è stata consultata: 2301 volte)



COMMENTO:
Offerto da  

Leggi  RUBRICHE  precedenti
13/10/2019 - 06/10/2019 - 29/09/2019 - 22/09/2019 - 15/09/2019 - 08/09/2019 - 01/09/2019 - 25/08/2019 - 18/08/2019 - 11/08/2019 - 04/08/2019 - 28/07/2019 - 21/07/2019 - 14/07/2019 - 07/07/2019 - 30/06/2019 - 16/06/2019 - 09/06/2019 - 02/06/2019 - 26/05/2019 - 19/05/2019 - 05/05/2019 - 28/04/2019 - 21/04/2019 - 07/04/2019 - 31/03/2019 - 24/03/2019 - 17/03/2019 - 10/03/2019 - 03/03/2019 - 24/02/2019 - 17/02/2019 - 03/02/2019 - 27/01/2019 - 20/01/2019 - 13/01/2019 - 06/01/2019 - 30/12/2018 - 23/12/2018 - 16/12/2018 - 09/12/2018 - 02/12/2018 - 25/11/2018 - 18/11/2018 - 11/11/2018 - 04/11/2018 - 28/10/2018 - 21/10/2018 - 14/10/2018 - 07/10/2018 - 30/09/2018 - 23/09/2018 - 16/09/2018 - 09/09/2018 - 02/09/2018 - 26/08/2018 - 19/08/2018 - 12/08/2018 - 05/08/2018 - 29/07/2018 - 22/07/2018 - 15/07/2018 - 08/07/2018 - 01/07/2018 - 24/06/2018 - 17/06/2018 - 10/06/2018 - 03/06/2018 - 27/05/2018 - 20/05/2018 - 13/05/2018 - 06/05/2018 - 29/04/2018 - 22/04/2018 - 15/04/2018 - 08/04/2018 - 01/04/2018 - 25/03/2018 - 18/03/2018 - 11/03/2018 - 04/03/2018 - 25/02/2018 - 18/02/2018 - 11/02/2018 - 04/02/2018 - 28/01/2018 - 21/01/2018 - 14/01/2018 - 07/01/2018 - 31/12/2017 - 24/12/2017 - 17/12/2017 - 10/12/2017 - 03/12/2017 - 26/11/2017 - 19/11/2017 - 12/11/2017 - 05/11/2017 - 28/10/2107 - 22/10/2017 - 15/10/2017 - 08/10/2017 - 01/10/2017 - 24/09/2017 - 17/09/2017 - 10/09/2017 - 03/09/2017 - 27/08/2017 - 20/08/2017 - 13/08/2017 - 06/08/2017 - 30/07/2017 - 23/07/2017 - 16/07/2017 - 09/07/2017 - 02/07/2017 - 25/06/2017 - 03/06/2018 - 11/06/2017 - 04/06/2017 - 28/05/2017 - 21/05/2017 - 14/05/2017 - 07/05/2017 - 30/04/2017 - 23/04/2017 - 16/04/2017 - 09/04/2017 - 02/04/2017 - 26/03/2017 - 19/03/2017 - 12/03/2017 - 05/03/2017 - 26/02/2017 - 19/02/2017 - 12/02/2017 - 05/02/2017 - 29/01/2017 - 22/01/2017 - 15/01/2017 - 07/01/2017 - 01/01/2017 - 24/12/2016 - 17/12/2016 - 11/12/2016 -